Come ottenere denaro immediato con i vecchi gioielli

Scritto da admin on . Postato in Altri articoli

Tutti quanti in casa abbiamo dell’oro usato. Non c’è proprio una definizione specifica per definire l’oro usato (o oro vecchio). Potrebbe essere oro usato un vecchio orologio lasciato in eredità dal nonno, oppure l’anello comprato sei mesi prima per la fidanzata con la quale non è andata in porto la storia.
Non essendoci quindi una definizione ordinaria, allora è anche compito del commerciante del compro oro fare una valutazione onesta dell’oro.

Chi stabilisce il prezzo dell’oro?

Il prezzo dell’oro cambia costantemente in borsa, e ci sono delle cose da tenere d’occhio per scegliere il momento propizio per vendere i vecchi gioielli ai compro oro.

L’oro viene valutato in dollari per oncia troy, cioè il prezzo in dollari per trentuno grammi di oro. Come le azioni, il prezzo cambia ogni pochi secondi. Per comodità allora la borsa di Londra due volte al giorno pubblica sul proprio sito un numero di riferimento chiamato fixing. Il fixing può essere tenuto d’occhio appunto dal sito della borsa, ma anche da tanti altri siti esterni che lo replicano. I più scrupolosi poi possono tenere d’occhio l’andamento costante della quotazione di borsa dell’oro.

Attenzione però: la stima del fixing viene fatta sull’oro puro. L’oro che si intende vendere è usato, quindi questo significa che avrà un valore minore rispetto al fixing, che però rappresenta un primo numero di riferimento.

A questo punto fate caso a un fatto: avete presente che tanti compro oro tengono esposti fuori dai negozi con le quotazioni dell’oro?
Questo significa che i commercianti di compro oro aggiornano due volte al giorno quel cartello secondo il fixing? È più probabile che mantengano esposto una quotazione per diverse settimane sfalsate rispetto alla quotazione ufficiale, promettendo un prezzo diverso. In questo senso, diversi compro oro fanno leva sulla poca esperienza dei clienti per poterci guadagnare di più.

Chiedere più valutazioni prima di vendere

C’è un’altra cosa importante da considerare. Non tutti i compro oro praticano lo stesso prezzo per acquistare l’oro usato. Anzi, può capitare che due compro oro a poche decine di metri di distanza pratichino due prezzi diversi.
Questo perché i commercianti possono decidere in autonomia che prezzo offrire per l’oro a seconda di tanti fattori: la posizione del negozio, la clientela, le finanze eccetera.
Un compro oro in periferia ovviamente offrirà un prezzo minore dell’oro rispetto a un altro in centro a Milano.

A questo punto è compito di chi vuole vendere il proprio oro ricercare qual è il negozio che fa la migliore offerta rispetto al fixing.

Un’altra valutazione importante da fare è considerare la quantità di oro che si vuole vendere. In pratica, più l’oro pesa, più la sua valutazione crescerà. Infatti ogni negozio di compro oro ha una tabella che modifica la quotazione dell’oro al variare del peso.

Ricapitolando, vendere oro non è un’operazione da fare al primo compro oro, bisogna tenere sempre d’occhio il fixing di Londra e confrontarlo con i prezzi dei compro oro di riferimento. In secondo luogo bisogna considerare quanto oro si vuole vendere (e gli affetti personali legati a quell’oro ovviamente).

oro

Conviene vendere l’oro usato nel mese di Dicembre?

Scritto da admin on . Postato in Altri articoli

Sarà capitato a chiunque di passeggiare nella propria città e rimanere interessati dalla possibilità di ottenere liquidi in cambio del vecchio bracciale in oro rotto o passato di moda.
Ma come funzionano esattamente i compro oro?

Per poter scambiare l’oro è sufficiente recarsi in un ente preposto e dopo consegna del documento d’identità e del codice fiscale è possibile ottenere una quantità di denaro misurata in base al peso dell’oggetto, alla qualità dell’oro consegnato e alla sua valutazione attuale.

Ebbene sì, il prezzo di scambio dell’oro cambia costantemente ed è possibile conoscerlo in tempo reale con una semplice ricerca su internet.
Attualmente il prezzo di scambio è di circa 34 euro per grammo. Attenzione però! il prezzo dell’oro scambiato fa riferimento a quello puro (24 carati), mentre i gioielli in circolazione sono in genere meno puri (18 carati solitamente).
Questo significa che il nostro usato viene scambiato ad un prezzo inferiore rispetto a quello riconosciuto dai mercati finanziari.

Si è osservato che storicamente il prezzo dell’oro sale nel mese di Dicembre, e per una persona attenta questo potrebbe essere il periodo migliore per ottenere il massimo dal proprio usato. Tuttavia bisogna analizzare anche altri fattori che potrebbero rendere più conveniente ottenere della liquidità anche in altri periodi dell’anno.
Ad esempio: avere del denaro disponibile immediatamente potrebbe consentire il pagamento anticipato di un debito con conseguente riduzione degli interessi, oppure consentirebbe di pagare una rata evitando di cadere in mora.
Queste sono valutazioni che potrebbero essere più significative in ottica di ottenimento di una maggiore entrata economica piuttosto che cedere l’oro usato nel mese di Dicembre.

In conclusione quindi per ottenere il massimo dall’oro usato sarebbe opportuno analizzare caso per caso ogni singola necessità, e scambiarlo in un periodo di tempo massimo dettato anche da altre circostanze.

prestito ristrutturazione

Prestito ristrutturazione casa

Scritto da admin on . Postato in Altri articoli

I prestiti per ristrutturazioni sono tra i più richiesti: ristrutturare la propria casa è un desiderio e una necessità di molti utenti, che desiderano anche solo acquistare mobili nuovi oppure effettuare lavori più profondi come soppalcare o cambiare la planimetria di una o più stanze.

Ferro da stiro Rowenta

Tutti i tipi di ferro da stiro

Scritto da admin on . Postato in Altri articoli

Ferro da stiro RowentaIl ferro da stiro è unico nel proprio genere, ma si propone al commercio in varianti, che si differenziano per modalità di utilizzo e specifiche tecniche peculiari.

Le differenti tipologie di ferri da stiro si accostano a ogni necessità di ogni massaia: la famiglia con tanti componenti, per esempio, necessiterà un ferro da stiro differente dal single. Idem lo stile di vita, se si pratica sport e si ha bisogno di lavare un giorno sì e l’altro pure, l’abbigliamento specifico, il ferro da stiro dovrà stare sempre in moto; chi è solito viaggiare per lavoro, invece, dovrà puntare a un piccolo ferro da stiro comodo da poter mettere in valigia.

Per tutte queste esigenze esistono modelli appositamente strutturati e costruiti. Il classico, quello immancabile nelle case di tutte le nonne, è il ferro da stiro a vapore: richiesto e ricercato in particolar modo per la sua convenienza nel prezzo e per la facilità d’uso, questo genere non richiede particolari attenzioni. Semplice da riporre, ottimo da utilizzare, viene a mancare, però, dal punto di vista della capienza del serbatoio: essendo compatto, consente di sfruttare un ammontare d’acqua genericamente più basso rispetto alle altre categorie, consigliamo di approfondire il ferro da stiro Rowenta sul sito migliorferro.com/marche-ferri-da-stiro/ferri-da-stiro-rowenta/.

Chi ha molto da stirare, dovrebbe per questo motivo considerare l’acquisto di un ferro da stiro con caldaia. Tra le più in voga nelle richieste di questo ambito, il ferro da stiro con caldaia consente di stirare molti indumenti per molto tempo, senza doversi preoccupare troppo della capienza del serbatoio: infatti, quest’ultimo, è distaccato rispetto al corpo centrale del ferro da stiro vero e proprio.

Questo significa che necessita uno spazio maggiore per poter essere riposto e apposite assi da stiro pensare per poterlo sfruttare al meglio. Esistono poi i piccoli e compatti ferri da stiro da viaggio, per chi vuole poter contare sempre su un valido alleato per viaggi di lavoro o di piacere, e i ferri da stiro professionali: questi ultimi sono indicati per aziende impegnate nella stiratura, considerato il costo e le dimensioni veramente importanti.

Ci sono poi i ferri da stiro senza filo, particolarmente maneggevoli ma anche piuttosto costosi, e i ferri da stiro verticali: la novità del settore, caratterizzati per una praticità e un prezzo accessibile, da dover far convivere con una precisione non del tutto ottimizzata.